Oltre 180 anni di dolcezza.

Un successo che viene da lontano: Sperlari regala piccoli momenti di felicità dal 1836.

1836

Gli inizi

Tutto ha avuto inizio nel cuore di Cremona, in una bottega di via Solferino a pochi passi dalla piazza del Duomo. Qui Enea Sperlari ha unito la sua grande passione con un’idea imprenditoriale, iniziando la vendita di due prodotti tipici della tradizione cremonese: il torrone e la mostarda.
La qualità artigianale delle sue creazioni ha fatto innamorare tutti i cittadini, e non solo: si racconta che il compositore Giuseppe Verdi fosse solito recarsi a Cremona per rifornirsi di queste specialità. In breve tempo, il marchio Sperlari è diventato rinomato in tutto il mondo. Ma il piccolo negozio di via Solferino, attestato locale storico italiano, è attivo ancora oggi per regalare momenti di dolcezza a tante famiglie italiane, proprio come faceva in origine.

1937

Pura liquirizia

Da una costola della fabbrica di liquirizia di Giulianova, in Abruzzo, nasce la Società Anonima Italiana Liquirizia Abruzzese, meglio nota come Saila. Lo stabilimento sorge sul lungomare di Silvi Marina in un teatro dismesso, e da sempre confeziona prodotti a base di liquirizia e menta profumando l’aria del paese con i suoi aromi balsamici.
I prodotti Saila portano una ventata di freschezza anche nelle case di milioni di italiani dove la gamma di prodotti Saila conserva ancora oggi un fascino senza tempo, perché è riuscita a mantenere i suoi gusti classici, ma continua a stupire con l’introduzione di sorprendenti novità, nei sapori e nei formati.

1956

Tutta la bontà del latte

Forse ti ricordi di Galatine perché tua mamma le conservava per te nella credenza. E forse perché adesso fai lo stesso con i tuoi figli. Dal 1956, Galatine ha conquistato generazioni di italiani e una serie di primati. Per esempio, è stata fra le prime caramelle a entrare nelle farmacie all’inizio degli anni Settanta e nei bar all’inizio degli anni Novanta. Ha avuto il coraggio di rinnovare la sua forma, diventando rotonda nel 1996. Ha conosciuto numerosissime varianti di gusto: frutti di bosco, cappuccino e pesca del passato a quelle con pezzi di cioccolato, alla fragola e al biscotto del presente. Nella lunga storia di Galatine molte cose sono cambiate, tranne una: la ricetta di base, semplice e gustosa, che l’ha resa la Tavoletta al Latte unica nel suo genere.

Anni '60

Il cofanetto

Il Cofanetto Sperlari non è solo una lussuosa confezione di caramelle. Con il passare degli anni, è diventato una vera e propria icona. Basti pensare che alcuni dei suoi design sono stati firmati da personalità del calibro di Fiorucci, Roberta di Camerino e Missoni. Ma soprattutto, i cofanetti si sono legati profondamente alla vita delle persone, con edizioni speciali dedicate alla festa della mamma, del papà, al momento della comunione. Inoltre, la presenza di un lucchetto ha fatto sì che in famiglia venissero usati come raccoglitori per le lettere, salvadanai o portagioie. Erano estremamente raffinati, tanto che l’attore Gian Enrico Tedeschi in un celebre spot di Carosello affermava «Un cofanetto di caramelle Sperlari non s'incarta mai!»

1964

Un nuovo arrivato

Avvolto da un rivestimento dolce con una rinfrescante anima di menta, arriva nei negozi il confetto Saila, realizzato con la stessa cura dei confetti da matrimonio per portare a chi lo mangiava la medesima felicità. Ogni singola caramella viene confezionata in una bustina, metodo che è arrivato fino ai giorni nostri, mentre il processo di produzione richiede tuttora l’esperienza dei maestri confettieri per garantire la massima qualità del prodotto. Il confetto Saila ha saputo rinnovarsi con freschezza, a partire dalla nascita del gusto liquirizia, all’iconica confezione ad astuccio fino all’introduzione dei formati tenero e Jelly e dell’estratto di foglie di stevia come dolcificante.

Anni '70

Il gusto intenso del cioccolato

Hai presente un tramonto sulle bianche spiagge di Zanzibar? È lì che ti trasporta il gusto esotico e avvolgente del cioccolato Sperlari. Il brand entra in questi anni in un settore ancora inesplorato, ed è subito un successo: dalle stecche di cioccolato Zanzibar, fino agli Zanzibarini. Inoltre, dal 2014 Sperlari aderisce al programma UTZ Certified, con l’obiettivo di migliorare le condizioni ambientali e lavorative delle piantagioni africane di cacao in Africa Occidentale.

1975

Dolcezza senza zucchero

Di certo, se sei interessato al mondo del fitness e del benessere, hai sentito parlare di Dietor. Sorta a Bologna, si tratta della prima azienda di dolcificanti in Italia. Ha conosciuto un vero e proprio boom negli anni Ottanta, quando è diventata la soluzione ideale per chi vuole controllare il peso e rinunciare allo zucchero.
Oggi il nome è cambiato in MyDietor, a testimonianza della volontà di avvicinarsi ai suoi consumatori, divenendo non solo un fedele alleato in cucina ma anche l’ambasciatore della dolcezza senza zucchero. E lo fa con un’ampia gamma di prodotti e formati, compresa la dolcezza di origine naturale di MyDietor Cuor di Stevia, con estratto di Stevia, che si ricava da una pianta dolcificante originaria del Paraguay.

1988

I torroncini

Se il torrone classico rimane indissolubilmente legato alle feste di Natale, i torroncini nascono per destagionalizzare e rendere quotidiano il suo gusto caratteristico.
In pratica, puoi goderti un momento di piacere in formato mignon anche prima di Natale, insieme alla famiglia e agli amici. Dopo i classici, la famiglia dei torroncini si è allargata con i Morbidelli, teneri e irresistibili, e i Nocciolati Zanzibar, arricchiti dalla bontà del cioccolato.

Anni '90

Piccoli grandi piaceri

La gamma di caramelle Sperlari dà il benvenuto alle Gran Gelées, morbide gelatine ricoperte con cristalli di zucchero e ricche di nettari di frutta. Probabilmente le ricordi dai tempi delle scuole elementari, perché tua zia ne aveva sempre una scorta quando andavi a trovarla.
È difficile dire no a queste coloratissime delizie, frutto di un metodo di produzione speciale che conferisce loro una una consistenza inimitabile. Le Gran Gelées vengono realizzate nello storico stabilimento di Gordona, dove riposano su enormi vassoi prima di essere confezionate con cura.

2019

Sperlari a Milano

La storia di Sperlari apre un nuovo capitolo con l’inaugurazione degli uffici in Piazza del Duomo a Milano. L’apertura della nuova sede, che affianca quella storica di Cremona, è il simbolo del progetto di rilancio di Sperlari in Italia e in tutto il mondo. Il marchio guarda quindi al domani, senza dimenticarsi delle sue solide radici. Un esempio? All’interno dell’edificio, una parete è occupata dalla ricostruzione grafica della facciata dell’originale negozio cremonese, mentre un’altra riporta la citazione del suo fondatore: “Che ogni tua impresa possa essere una lente per guardare al passato con ammirazione e al futuro con fiducia.” Del resto, Sperlari ha fatto la storia della dolcezza in Italia, ma questo non è che l’inizio.
1836
1937
1956
Anni '60
1964
Anni '70
1975
1988
Anni '90
2019